UN PERSONALE SPAZIO D’INCONTRO

È un dono dell’età quello di potersi guardare alle spalle e rivedersi, magari da un punto di vista differente, che riconsegna sfumature diverse, caricandole di sensazioni nuove, più intense. Mi sembra ieri che, appena tredicenne, mi affacciavo timidamente alle tre bancarelle di via Giovanni Torti, a Genova, incerto se spendere lì i pochi spiccioli che albergavano nelle mie tasche o ai cinema Eden e Diana. Già, perché, per ironia della sorte, quei primordiali luoghi d’incontro (e di ricerca) oggi scomparsi ed entrati nella dimensione più intima della memoria, erano gli uni a fianco degli altri.
Negli anni successivi la passione per la carta mi ha portato a frequentare mostre mercato di solide tradizioni, come era una volta quella di Lucca e oggi lo è quella di Reggio Emilia; mercatini delle pulci, come El Rastro di Madrid o Els Encants di Barcellona; le bancarelle dei bouquinistes lungo i quais della Senna o quelle, altrettanto ricche di polverosi segni del tempo, del Mercatone del Naviglio Grande a Milano. Non sono questi che alcuni dei luoghi che negli anni hanno fornito le occasioni per arricchire la mia collezione e per appagare il desiderio infinito, non solo di possedere, ma soprattutto di salvare un patrimonio destinato diversamente a scomparire.
Tutto questo tesoro, cartaceo e no, usato come base iconografica e documentaria per arricchire le pagine della Guida al Fumetto Italiano, quelle di If – immagini & fumetti e delle altre pubblicazioni delle Edizioni If, o quelle dei collaterali del Corriere della Sera o di la Repubblica, si trova oggi in un luogo segreto e protetto, divenuto un personale spazio d’incontro. Tant’è, infatti, l’enorme mole di materiale conservato e, soprattutto, solo in parte catalogato e archiviato, che la ricerca di un singolo albo rappresenta per me, una nuova insperata opportunità di imbattermi in ciò che è ormai impossibile recuperare sui banchi di antiquari e rigattieri. Ciò che mi piacerebbe fare è condividere con voi questa emozione, invitandovi idealmente ad accompagnarmi nel mio archivio, collegandovi, a partire da oggi, a questo blog. Da qui, ogni settimana, vi presenterò un particolare “pezzo” della mia collezione, ricostruendone la storia e offrendovi la possibilità di risvegliare sensazioni al tempo stesso nuove e antiche.

Se vuoi maggiori informazioni sui materiali di cui si è parlato in questo post, se sei interessato allo scambio, all'acquisto o alla vendita di materiali analoghi clicca qui.

25 Commenti a “UN PERSONALE SPAZIO D’INCONTRO”

  • Pier Luigi Gaspa:

    Ciao, Gianni! Che dire, quando parte una nuova avventura? Intanto, in bocca al… web! Sono sicuro che su questo tuo blog appariranno tante gustose chicche! Buona Epifania, in attesa di nuove, appunto epifaniche, “rivelazioni”!
    Pier Luigi Gaspa

    • Editore:

      Un caloroso saluto e un sentito ringraziamento a Pier Luigi e a tutti gli altri amici e appassionati che hanno scritto in questi giorni.
      Sono all’estero per un inatteso quanto gradito viaggio, da qui non riesco a seguire come vorrei questo novello blog, ma risponderò a tutti personalmente non appena rientrerò.
      Nel frattempo sto lavorando a nuovi post, saranno on-line giovedì quindi, mi raccomando, ripassate di qui!
      A presto dunque,
      Gianni

  • Paolo:

    Complimenti per l’iniziativa, Gianni!
    Un blog che di certo seguirò con curiosità e ammirazione….. un pò come già faccio con le pubblicazioni IF 😉

  • orlando:

    Felice di vederla qui, la seguirò con interesse!
    Imboccallupo per questo suo blog che già parte splendidamente.
    Con stima
    Orlando Furioso

  • Giovanni:

    Ciao Gianni, anche se non ci conosciamo personalmente ammiro da anni il tuo lavoro: la Guida al Fumetto, i libri neri di IF,… Grazie al tuo lavoro ho imparato ad apprezzare ancora di più il bellissimo mondo del fumetto. Inutile dire che seguirò assiduamente il tuo sito. In bocca al lupo. Ciao, Giovanni.

  • Lavinia:

    Caro Signor Bono, in bocca al lupo per questa sua avventura telematica!
    Non le nascondo che sono molto curiosa di leggere i prossimi post e mi fa piacere sapere che la Guida al Fumetto italiano verrà ristampata, è un volume che mi potrebbe far comodo per la mia tesi di laurea.

    Un saluto,
    Lavinia.

    • Editore:

      Cara Lavinia, volevo precisarti che la seconda edizione della Guida è tuttora disponibile. Se ti serve per la tua tesi puoi richiedercela. O, se vuoi consultarla, puoi fare un salto in redazione. Per la terza i tempi non saranno brevissimi, soprattutto per il suo completamento. Si tratterà infatti di più volumetti tematici. In bocca al lupo! Gianni

  • ‘Welcome aboard’

  • boblavolpe:

    Favolosa iniziativa!!!
    Grazie Gianni per queste perle!!!
    Una foto del tuo archivio?

  • Ciao, Gianni! Grande iniziativa!!! da sempre sono stato un divoratore di fumetti: da Tex al Piccolo ranger,Kinowa, Akim, Hondo ecc. ecc. ma nel mio cuore i primi in assoluto sono sempre stati il Grande Blek e Capitan Miki, che grazie a te e alla ifedizioni continuo a trovare in edicola. Grande anche l’idea di ritrovare le avventure di Kinowa sul Grande Blek, anche se ho tutta la serie a strisce, la cosa mi ha fatto piacere…. Anni fa ho conosciuto Giuseppe Casarotti, è stato bello trascorrere qualche ora insieme parlando di fumetti e altro….ricordo ci scambiammo gli autografi, lui su un fumetto di Blek io su un mio disco musicale che gli avevo omaggiato. Ti auguro un felice 2011, pieno di fumetti…

  • Caro Gianni, finalmente!
    Benvenuto nella galassia dei blog. Sarà fantastico leggere un po’ dei tuoi smisurati ricordi fumettistici, e i risultati delle tue indagini nel campo poco frequentato della storia del Fumetto in Italia! Ti aggiungo subito fra i link del mio modesto blog e ti faccio, già che ci sono, gli auguri per un favoloso 2011!

    Leonardo (aka Donald)

    • Editore:

      Non ti dimenticare che è stato bello e “utile” lavorare insieme!

    • Caro Gianni, lavorare insieme (bei tempi!) è stato utilissimo soprattutto per me: una grande scuola di professionismo e di rigore, nel mondo pressappochista della critica di fumetti in Italia. Ancora auguri

      Leonardo

  • Editore:

    Un grazie a tutti. Davvero. Rientro oggi dalle vacanze e sto rispondendo almeno alle varie domande.
    Gianni

  • miki:

    complimenti!!! sono quella che vende anche alle pietre….da ben 32 edizioni

  • dario:

    salve! complimenti sig. Bono ed in bocca al lupo per questa interessantissima iniziativa che, per noi “maniaci” del fumetto e di chi lo fa, è sicuramente una chicca! una domanda “tecnico-nostalgica”…non sarà mai possibile una ricostituzione dello “staff di if”, inteso come studio di produzione fumettistica per le varie case editrici? trovo che sia un peccato che non esista più, almeno a quanto ne so…cari saluti

    • Gianni Bono:

      Caro Dario,
      nella vita di tutti noi ci sono cambiamenti ed evoluzioni. Perciò mi fa piacere che mi poni la questione “staff di if” perché è da tempo che ne volevo parlare. E lo farò prestissimo in un prossimo blog. Lo “staff” – come lo chiamava Decio Canzio – era una realtà che aveva ragione di esistere negli anni Settanta e Ottanta. Oggi ci siamo trasformati in una casa editrice – le Edizioni if – che produce in proprio e per gli altri. E non facciamo solo soggetti, sceneggiature o disegni, ma ci occupiamo di tutto il processo lavorativo che trasforma un’idea in un prodotto editoriale da distribuire in edicola, in libreria o in rete. Quindi un ritorno allo “staff” sarebbe un regredire. Ma quei tempi eroici vanno ricordati e raccontati. Chi è collegato dia pure il suo contributo. Io inizierò al più presto.

  • Caro Gianni,

    leggo solo ora di questa Sua iniziativa e non le nascondo che mi fa immenso piacere saperLa in rete. Piacevolissimo articolo introduttivo… a presto!

    Cordiali saluti,
    Annunziato Cangemi.

Lascia un Commento

 
Immagini & Fumetti
Questo blog vuole essere uno spazio d'incontro a cui possano fare riferimento tutti coloro che, come me, amano i prodotti della cultura popolare. Per trovare e scambiare informazioni, ricordi, considerazioni. Perché una passione riverbera quando condivisa, perché la memoria delle cose passate è un impegno, oltre che un piacere, a cui più voci possono contribuire.
Tags